Il 24 maggio Don Luigi Ciotti tiene vivo il ricordo di Gianluca Congiusta

Il 24 maggio 2005, a Siderno, sulla jonica reggina, la barbara uccisione di Gianluca Congiusta, commerciante trentunenne. L’ennesima vittima innocente della ’ndrangheta. 10 anni dopo, il 24 maggio 2015, le associazioni Cambiamenti, Libera Locride, Don Milani, Gianluca Congiusta Onlus, con il Patrocinio del Comune di Siderno, organizzano una giornata per ricordare Gianluca e tutte le vittime innocenti della criminalità organizzata.

L’appuntamento è in via Sasso Marconi: un abbraccio ideale al monumento voluto dall’amministrazione comunale nel luogo in cui venne fermata la vita di Gianluca. Si parte alle 9, con due tornei: di calcetto 3 Vs 3 con i bambini della Seles di Gioiosa Ionica e di Mini Basket con i bambini dell’Ymca. Alle 11 la premiazione, alle 12 la lettura dei nomi delle Vittime innocenti della mafia e l’intervento di Don Luigi Ciotti. Dopo la pausa pranzo, l’evento “le radici della memoria” riprende alle 17, con il tiro con l’arco a cura di Millenium Arco Club. Alle 18.30 la “Fit Walking della Memoria” (camminata non competitiva) a cura dell’ASD Calabria, alle 19 il concerto dei Teruah Music offerto da Victim Fellowschip Italia Onlus e Prison Fellowschip Italia Onlus. Durante tutta la giornata sono previste attività ludico ricreative per i bambini.

«Abbiamo voluto celebrare la memoria con gli sport che Gianluca amava» spiega Mario Congiusta. «Sarà una giornata dedicata ai giovani della Locride, per ricordare le troppe vittime innocenti che dobbiamo continuare a ricordare parlando di vita».

L’abbraccio alle vittime innocenti sarà corale, a partire dalle associazioni che hanno aiutato nell’organizzazione della giornata.

Cambi@Menti, libera associazione di donne e uomini che vogliono contribuire all’unità e al rinnovamento sociale della pratica Politica nelle Città per ricreare un nuovo punto di vista critico verso l’ordine sociale esistente, partendo dagli universali valori di libertà e partecipazione e arrivando alla costruzione di una nuova cultura fondata sulla pace, sull’ambiente e sulla cooperazione fra individui. L’Associazione Don Milani opera nella Locride da 20 anni, prendendosi cura dei bambini vittime dell’emarginazione e del disagio sociale. Oggi si prende cura di 40 minori, numero che aumenta durante lo svolgimento di alcune attività sportive, ricreative e ludiche che vengono proposte a tutti i minori del territorio, ed offre un significativo sostegno alle famiglie dei minori, impegnate nel difficile compito di educazione primaria. La Victim Fellowship Italia Onlus si occupa dei diritti delle vittime di episodi di illegalità in chiave di studio, di analisi, di informazione, formazione, sensibilizzazione della opinione pubblica, formulazione di proposte legislative a favore delle vittime e dei loro familiari sia in Italia che in Europa, progettazione e ricerca di opportunità di lavoro per il reinserimento sociale e lavorativo delle vittime e dei loro familiari, possibilmente in progetti che vedano coinvolti detenuti ed ex-detenuti in una ottica di giustizia riparativa. Prison Fellowship Italia opera da oltre trent’anni nelle carceri ed è attiva in 116 sedi per una missione di recupero e riqualificazione dei detenuti, anche attraverso l’evangelizzazione delle carceri, luogo degli ultimi per eccellenza. La Millennium Arco Club appartiene alla F.I.T. Arco (Federazione Italiana Tiro con l’Arco) e al C.O.N.I. (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), ed ha al proprio attivo diversi successi in campo regionale sia nel tiro con l’arco individuale che a squadre. L’Associazione Ymca di Siderno, che da oltre cinquanta anni svolge attività di formazione e supporto dei giovani, conta oggi 500 soci ed è punto di riferimento nel territorio per quanto riguarda attività sportive a livello agonistico e amatoriale, attività sociali. SCARICA L’INVITO

Le radici della memoria 2015